Quale parte della pianta può conservare alimenti extra come zucchero o amido?

Le piante svolgono un ruolo vitale nel ciclo della vita sulla Terra, creando sia l'ossigeno che il cibo di cui molte specie hanno bisogno per sopravvivere. Le specie vegetali creano zuccheri semplici, come glucosio e fruttosio, e amidi che usano in modi diversi a seconda delle loro esigenze. Per fare questo, usano la clorofilla nelle loro foglie o equivalenti foglia per convertire acqua, luce solare e anidride carbonica in un semplice zucchero, che la pianta utilizza immediatamente o immagazzina per un uso successivo. Le due strategie distinte della vita vegetale per immagazzinare lo zucchero in eccesso agiscono come produzione di cibo per altre creature, come gli umani.

TL; DR (Troppo lungo, non letto)

Le piante creano zucchero semplice attraverso la fotosintesi. Trasformano gli zuccheri semplici in amidi per l'uso nelle loro radici e semi, mentre gli zuccheri semplici, come il fruttosio e il glucosio, appaiono nei gambi e nei frutti delle piante.

Creazione e movimento del cibo

Le piante contengono un sistema per il movimento dell'acqua e un sistema per il movimento dell'energia, rispettivamente lo xilema e il floema. Perché la fotosintesi si verifichi, una pianta deve spostare l'acqua nelle sue foglie attraverso lo xilema, una serie di piccoli tubi ramificati che spostano l'acqua dalle radici alle foglie. Dopo che una pianta usa i mattoni della fotosintesi per fare il suo cibo, usa il suo floema per spostare il glucosio creato per i suoi rami, radici, tronco e frutti.

Zuccheri semplici: facilmente disponibili

La fotosintesi crea glucosio, che funge da base per altri zuccheri più complessi presenti nelle piante. Ad esempio, fruttosio o zucchero di frutta, condivide una struttura simile al glucosio, ma viene utilizzato in diverse parti della pianta. Poiché gli zuccheri semplici sono solubili in acqua, le piante possono accedervi e usarli facilmente. Il glucosio appare nei gambi di alcune piante, come la pianta di mais, mentre il fruttosio, come suggerisce il nome, appare comunemente nella frutta. Gli esseri umani e altri animali spesso mangiano questi alimenti per ottenere queste unità di base di energia chimica.

Amidi: stoccaggio a lungo termine

L'amido agisce come una forma di energia di riserva nelle piante. Le piante contengono due tipi di amido - amilosio e amilopectina - entrambi i polisaccaridi o combinazioni di molecole di zucchero. In alcuni casi, occorrono migliaia di molecole di zucchero per formare un amido. Radici, legumi e semi contengono comunemente amidi, quest'ultimo caso perché l'amido nutre lo stadio embrionale di una pianta. Gli animali usano i loro enzimi digestivi per scomporre gli amidi in zuccheri semplici da usare. Gli alimenti come le patate contengono alti livelli di catene di zucchero. Altri polisaccaridi, come la cellulosa, danno struttura alle piante, fornendo le pareti per le loro cellule.

Perché usare gli zuccheri?

Rispetto a zuccheri, lipidi e grassi hanno una densità nutrizionale relativamente alta. Tuttavia, le piante tendono a favorire gli zuccheri come fonte di energia, anche se i lipidi possono essere trovati nei semi di alcune specie. Alcuni scienziati sperano di aumentare la concentrazione di lipidi nelle piante sia come cibo sia come fonte di combustibile. La ragione per cui le piante non usano i lipidi come energia, alcuni ricercatori credono, è perché le piante si sono evolute specificamente per utilizzare gli zuccheri per così tanto tempo.

Condividi Con I Tuoi Amici