Che effetto hanno i clorofluorocarburi sugli esseri umani?

Freon, un CFC, era l'agente di raffreddamento dei frigoriferi.

I clorofluorocarburi sono prodotti chimici artificiali che contengono gli elementi di cloro, fluoro e carbonio. Normalmente esistono come liquidi o gas e quando sono allo stato liquido tendono a essere volatili. I CFC offrono un certo numero di benefici agli esseri umani, ma questi sono compensati dal danno che danno all'ambiente. Oltre ad essere gas serra e intrappolare il calore nell'atmosfera, riducono l'ozono nella stratosfera superiore, esponendo l'uomo alla radiazione solare ultravioletta.

Storia

Nella prima parte del XX secolo, i produttori di frigoriferi usavano sostanze chimiche tossiche come l'ammoniaca, il cloruro di metile e il biossido di zolfo come refrigeranti. Diversi incidenti mortali hanno spinto le persone a tenere i loro frigoriferi all'esterno e i produttori a cercare un refrigerante migliore. Ne trovarono uno nel 1928, quando Thomas Midgley, Jr. e Charles Franklin Kettering inventarono Freon, che era il nome commerciale della Dupont Co. per sostanze chimiche altrimenti note come clorofluorocarburi. Come alternativa non tossica e non infiammabile alle sostanze chimiche che erano in uso, Freon era considerato un composto miracoloso fino agli anni '70, quando gli scienziati scoprirono il suo effetto sullo strato di ozono della Terra.

usi

Il Protocollo di Montreal, che è un accordo internazionale del 1987 che abolisce l'uso dei CFC, elenca cinque domande per i composti. Oltre ad essere un refrigerante efficace, i CFC producono propellenti di qualità superiore per prodotti aerosol e estintori. Sono anche utili come solventi per applicazioni quali la lavorazione dei metalli, il lavaggio a secco e la fabbricazione di apparecchiature elettroniche. L'aggiunta di CFC all'ossido di etilene fornisce un prodotto di sterilizzazione più sicuro per gli ospedali e i produttori di apparecchiature mediche rispetto all'ossido di etilene da solo. Infine, i CFC sono un componente importante dei prodotti in schiuma di plastica utilizzati nell'edilizia e per l'isolamento degli apparecchi elettrici.

CFC e atmosfera

Poiché sono composti inerti tali, i CFC possono persistere nell'atmosfera per 20 o 100 anni. Questo dà loro il tempo sufficiente per migrare fino alla stratosfera superiore, dove la luce solare energetica a quella quota li abbatte e rilascia il cloro libero. Il cloro non è solitamente disponibile nell'atmosfera e agisce da catalizzatore per convertire l'ozono, un composto con tre atomi di ossigeno, in ossigeno molecolare. Questa reazione assottiglia lo strato di ozono della Terra e crea un "buco" stagionale sull'Antartico. Oltre a questo, i CFC contribuiscono anche all'effetto serra, che si traduce nel riscaldamento costante della superficie del pianeta.

Conseguenze dell'inquinamento da CFC

Sebbene i CFC siano benigni in basse concentrazioni, alte concentrazioni possono colpire il cuore, il sistema nervoso centrale, il fegato, i reni e i polmoni e livelli estremamente elevati possono uccidere. Di maggiore preoccupazione, tuttavia, sono le possibili conseguenze dell'esaurimento dell'ozono e del riscaldamento globale. Se il buco dell'ozono antartico - o l'Arctic più recente scoperto - si espanderà su aree popolate, le persone potrebbero sperimentare maggiori casi di cancro della pelle e cataratta. Inoltre, livelli elevati di radiazioni UVB potrebbero influenzare l'approvvigionamento di cibo. Il riscaldamento globale può portare a fenomeni meteorologici gravi, come tempeste, tornado, siccità e precipitazioni insolitamente pesanti, che possono potenzialmente causare la perdita di vite umane e di proprietà.

Condividi Con I Tuoi Amici