Cosa fa la diatomea nell'ecosistema?

Le diatomee sono una componente cruciale della rete alimentare oceanica.

Sono così piccoli che di solito non li si può vedere senza un microscopio, ma nonostante le minuscole dimensioni, le diatomee svolgono un ruolo cruciale in uno dei più grandi ecosistemi del pianeta. Queste alghe monocellulari sono un tipo di plancton. Trasformano la luce solare in energia chimica attraverso la fotosintesi, quindi sono una componente vitale degli ecosistemi oceanici e anche di molti ecosistemi di acqua dolce.

Ossigeno

Da qualche parte tra un quinto e un quarto di tutta la fotosintesi sul nostro pianeta viene effettuata da diatomee. Ciò significa che almeno un quarto dell'ossigeno della Terra proviene da diatomee. Poiché gli esseri umani e tutti gli altri animali hanno bisogno di ossigeno per respirare, tutti noi ci affidiamo indirettamente alle diatomee per sostenerci. Fissando il carbonio o convertendolo dal biossido di carbonio in zucchero, le diatomee riducono anche la quantità di anidride carbonica nell'atmosfera proprio come fanno le piante terrestri.

Cibo

Nell'oceano le diatomee vengono mangiate da piccoli animali chiamati zooplancton. Lo zooplancton a sua volta sostiene organismi più grandi, come i pesci, così tanti animali nell'oceano dipendono direttamente o indirettamente da diatomee per la loro sopravvivenza. Le diatomee sono responsabili di oltre il 40% della fotosintesi negli oceani del mondo e, senza di loro, l'oceano non sarebbe in grado di sostenere la quantità di vita che fa. Le diatomee sono una fonte chiave di cibo ed energia per altri organismi in molti ecosistemi d'acqua dolce. Le lumache, i caddis, le larve volanti, i piccoli crostacei e i filtri alimentati come le vongole sono tra i tanti animali nei sistemi di acqua dolce che pascolano sulle diatomee.

Fioriture algali

In condizioni ricche di sostanze nutritive in acqua dolce, le alghe possono crescere senza controllo, causando una fioritura algale che può essere dannosa per altri organismi come i pesci. Talvolta le alghe in fiore producono tossine pericolose per gli animali. Poiché le diatomee sono uno dei tipi più comuni di alghe, sono in genere una parte critica di queste fioriture. Quando crescono in abbondanza, le diatomee possono anche colonizzare e aderire alle superfici artificiali, a volte necessitando di costose pulizie e riparazioni.

Fossili

Una delle caratteristiche più insolite delle diatomee sono i loro gusci a base di silice. Quando le diatomee muoiono, i loro gusci cadono sul fondo del corpo idrico che abitano e si accumulano come sedimenti. I biologi possono utilizzare questo sedimento per aiutare a tracciare le tendenze della qualità dell'acqua in un ecosistema usandolo per capire il tipo e l'abbondanza di diatomee sia ora che in passato. A volte i gusci di diatomee nei sedimenti del fondale marino possono col tempo diventare terra di diatomea. Alcuni antichi depositi di farina fossile che un tempo erano sedimenti del fondo marino oggi sono terra asciutta. La terra di diatomea estratta da questi depositi ha una grande varietà di importanti usi industriali come filtro e abrasivo; alcuni giardinieri biologici lo impiegano per il controllo dei parassiti. Le diatomee compatte sotto i sedimenti possono anche, col tempo, essere compresse per formare olio, quindi le diatomee sono indirettamente responsabili di gran parte del carburante che bruciamo oggi nelle nostre auto.

Condividi Con I Tuoi Amici