Disastri naturali causati dalla tettonica a placche

Disastri naturali causati dalla tettonica a placche

La tettonica a placche è tra le forze più influenti che modellano la Terra. La superficie della Terra non è una singola, solida massa, ma è invece composta da molte placche, ognuna che lentamente scivola in cima al mantello sottostante del pianeta. Il più delle volte, queste lastre si muovono lentamente e creano solo cambiamenti nel corso di milioni di anni. A volte, tuttavia, due piastre si muovono bruscamente l'una rispetto all'altra. Quando ciò accade, la superficie della Terra è soggetta a disastri naturali. Eventi come terremoti, vulcani e tsunami sono tutti causati dalla tettonica delle placche.

Rocce che rotolano: terremoti

La maggior parte dei terremoti si verificano come risultato del movimento improvviso lungo una linea di faglia tra due placche tettoniche adiacenti. Il movimento delle piastre non è sempre regolare. Le placche "si attaccano" l'una all'altra a causa dell'attrito. Poiché le piastre sono sempre in movimento, queste prese generano energia lungo la linea di faglia. Alla fine, quando questa presa cede, l'energia si libera in un terremoto. La famosa faglia di San Andreas in California segna il punto in cui la placca nordamericana e la placca del Pacifico scivolano l'una sull'altra. Le due piastre si muovono ad una velocità di circa 6 cm all'anno, causando centinaia di piccoli terremoti ogni anno e occasionalmente un forte terremoto. Il movimento lungo questo limite del piatto ha causato i terremoti che hanno colpito San Francisco nel 1906 e nel 1989.

Eruzione dei vulcani

In generale, i vulcani si verificano lungo i bordi delle placche o sopra "punti caldi". Quando una placca si sposta sulla cima di un'altra piastra, l'energia e l'attrito fondono la roccia e spingono il magma verso l'alto. L'aumento della pressione di questa roccia fusa provoca un rigonfiamento della superficie: una montagna. La pressione continua a crescere nel tempo e, senza nessun'altra uscita per il rilascio, la montagna esplode alla fine come un vulcano. I vulcani si verificano anche quando i piatti si staccano quando il magma si cola fino a riempire il vuoto risultante. Il tipo di eruzione vulcanica, esplosiva o mite, dipende essenzialmente dalla roccia fusa sottostante. La roccia che è "appiccicosa" quando sciolta tende a tappare le prese d'aria del vulcano fino a quando la pressione dei gas sottostanti provoca un'eruzione spesso cataclismatica. Questo tipo di eruzione si è verificato a Mt. St. Helens a Washington nel 1980. Altri tipi di roccia fluiscono più fluidamente quando si sciolgono. In questo caso, la roccia fusa fluisce dal vulcano in eruzioni più dolci e lunghe. I famosi vulcani hawaiani di solito esplodono in questo modo.

Onde del mare sismico

La tettonica a placche causa indirettamente onde sismiche del mare, meglio conosciute come tsunami. Quando un forte tremore sismico sposta la crosta sotto un corpo idrico, l'energia da quel tremore si trasferisce nel liquido circostante. L'energia si espande dal suo sito originale, viaggiando attraverso l'acqua sotto forma di un'onda. Un'onda di tsunami rappresenta un piccolo pericolo mentre si trova nell'oceano aperto. Quando l'onda raggiunge la riva, tuttavia, emerge un'altra storia. La depressione della grande ondata colpisce prima la terra, spesso vista come l'allontanamento dell'acqua dalla riva. Poi il picco dell'onda colpisce, con conseguenze disastrose. A seconda della posizione del tremore originale, della configurazione del fondale marino locale e della distanza dal tremore, lo tsunami varia in termini di dimensioni, numero di onde e orario di arrivo. Il devastante tsunami del dicembre 2004, che ha ucciso oltre 300.000 persone ai margini dell'Oceano Indiano, è scaturito da un terremoto estremamente potente (MWo grandezza del momento, 9.2) sul fondo dell'oceano vicino all'Indonesia.

Condividi Con I Tuoi Amici