Cose viventi e non viventi nell'ecosistema

Una pozza di marea è un tipo di ecosistema.

In quanto unità funzionale della natura che include la comunità di organismi che crescono, si riproducono, nutrono e interagiscono, un ecosistema include anche gli elementi non viventi dell'ambiente. Un ecosistema descrive una singola unità o comunità ambientale ed ecologica, mentre un bioma, al contrario, tende ad essere regionale e spesso ha al suo interno diversi ecosistemi distinti. Un bioma marino acquatico è costituito da numerosi ecosistemi come le pozze di marea, le barriere coralline e le foreste di alghe.

Cose viventi in un ecosistema

Una comunità di ecosistemi è definita da tutte le diverse popolazioni di specie coesistenti nello stesso habitat.

Le creature viventi in una comunità biologica includono organismi viventi microscopici per tutte le classi e le dimensioni degli animali. In uno stagno, ad esempio, gli organismi viventi variano dalle alghe e dallo zooplancton in una goccia d'acqua dello stagno ai pesci più grandi, anfibi, gigli e tife che fanno le loro case nello stagno. Tutte le diverse popolazioni di specie che coesistono e prosperano all'interno di quello stesso ambiente definiscono gli abitanti di un ecosistema. La resilienza della comunità dipende da un ciclo - o catena di eventi e processi - che crea cibo ed energia per tutti gli organismi all'interno della comunità. Il ciclo dell'ecosistema comprende i produttori, i consumatori e i decompositori che ciclano l'energia attraverso la rete alimentare in modo che vi sia costante produttività, decomposizione e ciclo dei nutrienti.

Rocce, sporcizia, luce solare e acqua

La luce solare e il suolo sono alcuni degli aspetti non viventi di un ecosistema.

Le cose non viventi in un ecosistema creano e definiscono l'ambiente dell'ecosistema e includono la luce solare, la temperatura, le precipitazioni, il tempo, il paesaggio, la chimica del suolo, la chimica dell'acqua e persino l'approvvigionamento di nutrienti di base. Queste componenti abiotiche - non-viventi - rimangono vitali per la salute dell'ecosistema perché sono le pietre miliari nel suo flusso di energia e nel ciclo dei nutrienti.

L'energia della luce solare viene trasformata in energia chimica attraverso la fotosintesi delle piante, che definiscono i produttori di base nella maggior parte degli ecosistemi. I nutrienti e gli elementi essenziali - come carbonio, azoto, ossigeno - che sono necessari per i processi biochimici della vita sono ottenuti dall'ambiente circostante, dal suolo, dall'acqua e dall'ambiente fisico. L'energia e gli elementi sono continuamente pedalati all'interno dell'ecosistema a causa dell'interazione tra i suoi elementi biotici o viventi e abiotici, non viventi.

Relazioni biotiche e abiotiche

Un ecosistema sano è sostenibile, resiliente e stabile nel tempo.

Gli elementi biotici e abiotici di un ecosistema interagiscono in cicli definiti dalla vita quotidiana, dal tempo e dalle stagioni. I fattori non viventi determinano quali esseri viventi possono essere sostenuti in un ecosistema. Le creature viventi in un habitat influenzano gli elementi non viventi all'interno della comunità. Ad esempio, le piante possono influenzare la chimica del suolo o certe alghe possono influenzare la chimica dell'acqua. Un ecosistema ideale rimane naturalmente equilibrato tra le sue parti, sia biotiche che abiotiche, in modo tale che il flusso di energia e il ciclo dei nutrienti rimangano stabili abbastanza da consentire a tutti gli organismi di riprodursi e prosperare. Qualsiasi interruzione dell'ecosistema - come la rimozione o l'aggiunta di un fattore abiotico o biotico - spesso influisce su numerosi aspetti dell'organizzazione della comunità. L'introduzione di una specie invasiva o di un inquinante tossico può eliminare l'organizzazione strutturale dell'ecosistema, spesso con effetti simili a quelli di un domino.

Condividi Con I Tuoi Amici