Una lista di pesci pelagici

Lo sgombro è il nome comune per diverse specie di pesci epipelagici.

La zona pelagica all'interno di un lago o oceano comprende tutta l'acqua che non si trova vicino al fondo, né all'interno della zona di marea di una battigia, né che circonda una barriera corallina. I pesci pelagici trascorrono la maggior parte del loro ciclo vitale nella zona pelagica. Gli elenchi delle specie di pesci pelagici marini possono essere suddivisi in cinque sottocategorie in base alla profondità dell'acqua che una specie abita più comunemente. Questi strati d'acqua, in ordine crescente di profondità, includono le zone epipelagiche, mesopelagiche, bathipelagiche, abissopelagiche e adenopiche.

La zona epipelagica o illuminata dal sole

Lo strato epipelagico dell'oceano si estende dalla superficie fino a circa 660 piedi (200 metri). La luce che penetra nell'acqua a questo livello consente la crescita di plancton, alghe e alghe galleggianti. I piccoli pesci foraggeri che si nutrono di plancton sono comuni in questa zona, tra cui aringhe, acciughe, scad, spratti, sardine, piccoli sgombri e melù. Questi pesci foraggiamento vivono nelle acque costiere al di sopra della piattaforma continentale. Pesci costieri più grandi come il salmone, il grande sgombro, il billfish e la lampuga si nutrono di pesci più piccoli. I predatori apicali come il tonno, i grandi raggi, i bonita, i pomfrets e gli squali oceanici sono in grado di trascorrere lunghi periodi di tempo nelle acque più profonde oltre la piattaforma continentale. Un vorace predatore di meduse, l'immenso pesce luna dell'oceano trascorre l'intero ciclo di vita in mare aperto. Il più grande pesce epipelagico conosciuto nell'oceano, lo squalo balena gigante, il filtro si nutre di plancton.

Mesopelagico, o Crepuscolo, Zona

Una quantità limitata di luce è in grado di penetrare l'acqua a una profondità di 200 metri (660 piedi) fino a circa 3.300 piedi (1.000 metri), ma non abbastanza per il verificarsi della fotosintesi. I plancton filtrano gli alimentatori nello strato mesopelagico dell'oceano come il pesce lanuginoso bioluminescente, o piccoli predatori come il pesce sciabola marino, la cresta, la barreleye e il semaforo sdrucciolevole, salgono fino alla zona epipelagica di notte per nutrirsi. Questi pesci più piccoli, insieme ai calamari, alle seppie e ai krill, vengono mangiati da predatori mesopelagici come il blobfish, il serpente, il pesce spada, il pesce lancetta dal lungo e l'opah.

Bathypelagic, o Midnight, Zone

Le specie ittiche nello strato bathypelagic, che si trova a 3000 piedi (1.000 metri) a 13.000 piedi (4.000 metri) sotto la superficie, sono piccoli predatori che hanno sviluppato adattamenti insoliti alla vita nelle profondità dell'oceano pece-nere. La bioluminescenza è comune nei pesci bathypelagic ed è usata per attirare la preda o un compagno. La megattera ciondola un'esca luminescente tra i suoi occhi, il pesce di mare profondo mostra un barbo incandescente attaccato al suo mento e la coda dell'anguilla è dotata di una punta luminescente. Le grandi fauci della cistifellea o del fangoide, la mascella incernierata del pesce vipera e lo stomaco estensibile del nero inghiottitoio permettono a questi pesci di mangiare altri pesci molte volte le loro dimensioni.

Zone abissopelagiche e hadopelagiche

Lo strato abissopelagico, o inferiore a mezzanotte, dell'oceano, 1300 metri (4000 metri) fino a poco sopra il fondo dell'oceano, e la zona hadopelagica, che è l'acqua profonda che si trova nelle fosse oceaniche, sono aree inospitali per i pesci. Calamari, echinodermi, meduse, cetrioli di mare e alcune specie di artropodi marini chiamano queste aree a casa. I visitatori Bathypelagic come la rana pescatrice, il mangiatore nero e il pesce vipera generalmente si fermano solo per un pasto veloce prima di tornare nella zona di mezzanotte.

Condividi Con I Tuoi Amici