Styrofoam è biodegradabile?

Mentre ha molti usi, il polistirolo può causare problemi per l'ambiente.

Styrofoam è il nome commerciale del polistirolo espanso, un tipo di plastica utilizzato nell'industria abitativa come isolante. Il polistirolo ha una vasta gamma di usi, dai ricambi auto alle custodie per computer. Quando viene iniettato gas durante la produzione, il polistirene espanso diventa leggero con circa il 95% di aria. Questo prodotto è un cattivo conduttore di calore, quindi è usato nei contenitori per bevande e come isolante. Il polistirolo è anche usato in una varietà di materiali di imballaggio. Molte persone temono che la plastica, compreso il polistirene, si degradi nel tempo.

La biodegradazione

Il polistirene si rompe così lentamente che non è vitale come prodotto biodegradabile. La maggior parte del polistirolo che finisce nelle discariche sarà ancora lì tra 500 anni, secondo l'Environmental Action Association. Uno studio dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti, tuttavia, afferma che l'imballaggio in polistirolo rappresenta solo lo 0,5% di tutti i rifiuti solidi urbani quando si misura in base al peso.

Pericoli ambientali

Mentre si tratta di una preoccupazione nelle discariche a causa della sua quasi inesistente biodegradazione, il polistirolo è più preoccupante quando viene trovato al di fuori delle discariche. La lettiera è sgradevole e, a differenza dei metalli che comandano un prezzo con i riciclatori, c'è poco incentivo economico per le persone a raccogliere la spazzatura. Inoltre, il polistirolo si rompe facilmente quando viene schiacciato. La fauna selvatica può provare a sfogliare i pezzi, scambiandoli per cibo. L'ingestione potrebbe portare alla morte.

Riciclaggio e riutilizzo

Alcuni prodotti in polistirene, come quelli confezionati in noccioline di imballaggio, possono essere riutilizzati senza ricondizionarli. Sebbene esistano i mezzi per riciclare il polistirene, il costo per farlo è più alto rispetto alla produzione di polistirene. Senza un'opzione di riciclaggio, gran parte del polistirolo in uso continua a finire nelle discariche.

Nuove tecniche

Alcuni ricercatori stanno sviluppando prodotti sostitutivi per il polistirolo. Costituiti da ingredienti a base di mais, questi prodotti possono essere più rispettosi dell'ambiente e possono biodegradarsi rapidamente una volta smaltiti. Altri ricercatori hanno sperimentato la trasformazione del polistirolo di scarto in un prodotto completamente diverso. Riscaldano il polistirolo a temperature fino a 520 gradi Celsius (968 gradi Fahrenheit) in assenza di ossigeno in un processo chiamato pirolisi. Questo rompe il polistirene in stirene, una sostanza facilmente consumata da alcuni batteri. Come sottoprodotto, i batteri producono poliidrossialcanoato o PHA, una plastica riciclabile che può essere trasformata in posate usa e getta, dispositivi medici e flaconi di shampoo.

Condividi Con I Tuoi Amici