Come verificare l'inquinamento delle acque da acque reflue

Nel momento in cui le acque reflue fluiscono nei corsi d'acqua, vengono mescolate con limo e altri tipi di inquinamento raccolti lungo il percorso.

L'inquinamento delle acque reflue ha un impatto significativo sui corsi d'acqua e sulla salute umana. Aggiunge nutrienti in eccesso agli ecosistemi acquatici, causando la crescita incontrollata di alghe, batteri e protozoi. Questa vegetazione eccessiva deruba acqua di ossigeno, causando massicce morti di animali. Le zone morte risultanti sono quasi impossibili da annullare. Le acque reflue contengono anche molti organismi patogeni e una volta entrati in un corso d'acqua, il loro ingresso nella nostra acqua potabile è praticamente garantito. Tuttavia, l'individuazione dell'inquinamento prodotto dalle acque reflue è un'attività delicata.

Guardando dallo spazio

Un modo per testare l'inquinamento idrico da acque reflue è quello di guardare i corsi d'acqua dallo spazio. Le immagini satellitari mostrano pennacchi di materiale in cui il deflusso incontra l'acqua - quelli marini contengono sedimenti, che probabilmente includono i liquami. Questo metodo viene talvolta utilizzato dopo importanti eventi inquinanti, come sversamenti tossici e disastri naturali con inondazioni. Tuttavia, non c'è modo di sapere con certezza quanto di questi pennacchi sia l'inquinamento delle acque luride e quanto sia limo. Il metodo di imaging satellitare consente solo una stima approssimativa del potenziale inquinamento da liquami.

Bug di conteggio

"Coliformi termotolleranti" è il termine educato per i batteri che vivono nelle feci, altrimenti noti come coliformi fecali. Il problema con il test per loro è che i falsi positivi sono alti. I batteri simili sono ampiamente diffusi nell'ambiente generale - in altre parole, vivono nella sporcizia e in tutte le feci animali e gli animali selvatici dagli insetti ai mammiferi sono ovunque. L'Escherichia coli è una specie indicatrice comune per i test coliformi fecali, ma ancora onnipresente dal punto di vista ambientale; i test per i batteri del genere Enterococcus sono considerati migliori perché questi organismi si trovano nelle feci di tutti i mammiferi, ma molto raramente altrove. I test Enterococcus sono attualmente considerati il ​​gold standard per il monitoraggio dell'inquinamento delle acque reflue nei corsi d'acqua, ma lasciano fuori una componente importante dell'inquinamento da acque reflue: ammoniaca e azoto.

Ammoniaca

È possibile determinare se l'inquinamento idrico può originarsi da acque reflue testando l'ammoniaca perché la maggior parte delle strutture di trattamento delle acque reflue negli Stati Uniti non rimuovono l'urina quando trattano acque reflue. L'urina si decompone in ammoniaca, quindi alti livelli di ammoniaca possono indicare una fonte di fogna per un particolare caso di inquinamento. I falsi positivi sono anche possibili con questo test, tuttavia, poiché altre fonti, come le operazioni di alimentazione degli animali, creano alti livelli di inquinamento da ammoniaca e il deflusso agricolo e municipale contribuiscono con grandi quantità di prodotto finale di ammoniaca, l'azoto.

Verificare le carenze

Il problema principale con il tentativo di testare l'inquinamento idrico da acque reflue è che è solitamente impossibile determinare esattamente da dove viene l'inquinamento dal momento in cui entra in un corpo idrico. Alcuni possono essere ricondotti a sistemi di smaltimento municipali poveri, ma solo quando c'è un'evidente "pistola fumante", come un tubo aperto che versa liquami in un corso d'acqua. La maggior parte dell'inquinamento da acque luride deriva dall'eccesso di flusso e occupa la vaga categoria "inquinamento da fonti non puntiformi", insieme al deflusso delle acque meteoriche e al deflusso agricolo. L'imaging satellitare, il coliformio fecale e il test dell'ammoniaca possono tutti prevedere la probabilità che un particolare inquinamento sia di origine fognaria, ma non hanno modo di escludere il deflusso organico, i fertilizzanti e le feci animali.

Un buon BOD?

Potrebbe esserci un modo migliore. La prova biochimica di domanda di ossigeno conta i batteri decompositori in acqua mentre lascia gli impianti di trattamento delle acque reflue. Il numero di batteri fornisce una stima sia della quantità di acque reflue nell'acqua, sia del suo potenziale impatto biologico una volta raggiunta una via d'acqua e i batteri iniziano a consumare ossigeno lì. Tuttavia, il test viene utilizzato solo in una forma troncata negli Stati Uniti. Un BOD completo conta insetti che mangiano il carbonio e mangiano azoto: il carbonio proviene dalle feci e l'azoto proviene dalle urine. Il test attualmente in uso conta solo i mangiatori di carbonio, che lascia l'inquinamento delle acque luride dalle urine interamente al di fuori dei calcoli. Passare a un BOD completo potrebbe aiutare a individuare esattamente quale inquinamento proviene dai liquami: darebbe un quadro accurato di quanto stia lasciando gli impianti di trattamento e i ricercatori potrebbero confrontare gli impatti osservati negli habitat a valle con gli impatti previsti dai conteggi BOD.

Condividi Con I Tuoi Amici