Come calcolare la velocità di ingresso del calore della caldaia

Le grandi caldaie richiedono elevate velocità di ingresso del calore.

A seconda della sua fonte di energia, una caldaia può ricevere calore dal flusso di corrente elettrica o dal combustibile in fiamme. Ognuna di queste fonti offre il proprio metodo per calcolare la velocità di ingresso del calore della caldaia. Un metodo separato, tuttavia, funziona per tutte le caldaie. La velocità di ingresso del calore della caldaia è proporzionale alla velocità alla quale la temperatura dell'acqua al suo interno sale. Il fattore che riguarda queste percentuali è la capacità termica specifica dell'acqua.

Sottrarre la temperatura iniziale dell'acqua dalla sua temperatura alla fine del periodo di cui si sta calcolando la velocità di input. Ad esempio, se l'acqua nella caldaia sale da 20 a 50 gradi Celsius, sottraendo 20 da 50 si ottiene 30 gradi.

Moltiplicare l'aumento di temperatura del peso dell'acqua in chilogrammi, che equivale al suo volume in litri. Ad esempio, se la caldaia contiene 100 litri di acqua, moltiplicando 30 per 100 si ottiene 3.000.

Moltiplicate questa risposta per 4.186, la capacità termica specifica dell'acqua. Continuando l'esempio, moltiplicando 3.000 per 4.186 si ottengono 12.558.000, l'aumento di calore della caldaia, misurato in joule.

Dividere questo guadagno di calore per il periodo di tempo per il quale la caldaia funziona, misurata in secondi. Ad esempio, se la caldaia funziona per 1.800 secondi, dividendo 12.558.000 per 1.800 dà 6.977, o poco meno di 7.000. Questa è la velocità di ingresso del calore, misurata in joule al secondo o Watt.

Dividere la velocità di ingresso del calore di 1.000 per convertirlo in kilowatt. 7.000 divisi per 1.000 dà un tasso di 7 kW.

Condividi Con I Tuoi Amici